ANAHATA: IL CHAKRA DEL CUORE

ANAHATA: IL CHAKRA DEL CUORE

Anahata, il Chakra del Cuore è l’indispensabile collegamento tra Chakra superiori e Chakra inferiori.

Le energie grossolane inferiori che regolano la sopravvivenza e la sessualità, attraverso il dono della compassione e dell’Amore, espandono la coscienza alla Saggezza delle energie sottili.

In altre parole, il quarto Chakra collega i plessi fisici ed emotivi ai plessi mentali e spirituali.

Esattamente come il cuore fisico lo è per il corpo, Anahata rappresenta il punto centrale nel Sistema dei Chakra, il punto in cui tutti gli aspetti del nostro essere si incontrano nel perfetto equilibrio.

ANAHATA, IL CHAKRA DEL CUORE: SIMBOLOGIA RAPPRESENTATIVA

Anahata è un termine sanscrito che significa “non colpito”.

E’ localizzato idealmente nel plesso cardiaco, avvolto dalla gabbia toracica che lo protegge dalle ferite dell’ amore, come uno scudo protegge il suo guerriero.

È il loto dai 12 petali. Nella numerologia il 12 è riducibile al numero tre come le tre Virtù indispensabili all’equilibrio: Saggezza, Potere e Amore.

All’ interno del loto, dall’unione di due triangoli con vertice opposto, prende forma una stella a sei punte, la stella di Davide.

Simbolicamente, le due figure geometriche rappresentano lo spirito nel corpo e la materia nello spirito, l’unione di femminile e maschile.

Alla base è raffigurata un’antilope che corre nella sua libertà e nella meraviglia di chi guarda il mondo con lo stupore di un bambino.

Questo è l’entusiasmo che nutre di Amore ogni cosa.

Al centro spicca il Bija-Mantra YAM.

Anahata esprime la sua essenza nel verbo “Io Amo”.

L’Amore in relazione all’altro. La Compassione, nel suo significato etimologico “cum patior” soffrire insieme per alleviare le pene. La pace interiore, ma soprattutto l’Amore per se stessi.

ANAHATA, IL CHAKRA DEL CUORE E I SUOI COLORI

Anahata Chakra si compone di Cuore Inferiore e Cuore Superiore.

Il Cuore Inferiore è di colore verde.

Il Verde indica la guarigione intesa come equilibrio energetico.

Il Cuore Inferiore è la sede dell’amore umano “egoico”, ossia l’espressione del sentimento dalle caratteristiche “umane”.

Citando Jiddu Krishnamurti, filosofo indiano, un modo di intendere l’amore come “sfruttamento reciproco gratificante e dipendente”.

Che sia questo un seme di riflessione. 😊

Il Cuore Alto è invece Rosa, il colore della capacità di aprirsi, di dare e ricevere amore a se stessi e agli altri.

Taluni lo definiscono “incondizionato”, io lo definirò Empatico senza presunzione di Verità.

Poichè la nostra esistenza è fortemente condizionata in tutti i suoi aspetti, non ritengo ci possa essere qualcosa di incondizionato in “questo mondo”.

L’Amore Empatico è la capacità di provare Compassione. E’ la gioia della condivisione, il “mettersi nei panni dell’altro”, nel dono dell’Ascolto senza giudizio.

Pertanto, solo conoscendo le proprie emozioni è possibile riconoscerle nell’ altro senza neanche necessità di parole.

ANAHATA, IL CHAKRA DEL CUORE: CARATTERISTICHE GENERALI

L’elemento naturale di Anahata Chakra è l’Aria simbolo di spiritualità, libertà,  leggerezza e semplicità.

Il senso correlato è il tatto.

Il Tatto è la prima intimità che conosciamo alla nascita e che puo’ essere tanto amorevole quanto devastante.

Anatomicamente, è associato al cuore ma anche ai polmoni.

Presiede al buon funzionamento degli organi a cui è correlato e all’equilibrio del Timo, la ghiandola endocrina che regola il sistema linfatico e immunitario.

Uno squilibrio del quarto plesso energetico, da un punto di vista fisico, compromette la funzionalità degli organi correlati esponendo a disfunzioni cardiache, polmonari, ipertensione, asma.

Dal punto di vista psicologico una disfunzione energetica di Anahata Chakra potrebbe rendere ossessivi o indifferenti e sfociare in forti egoismi.

I cristalli che possono contribuire ad equilibrare l’energia del Chakra del Cuore sono lo smeraldo, la tormalina, la giada e il quarzo rosa.

Il cibo che nutre Anahata racchiude l’energia vitale dei quattro elementi, i vegetali.

Mentre, tra le fragranze gradite, primeggiano lavanda e gelsomino.

Animale simbolo è l’antilope ma anche uccelli e colombe, animali di aria.

ANAHATA, IL CHAKRA DEL CUORE: ALCUNE POSIZIONI YOGA

Le Posizioni Yoga utili al riequilibrio del Quarto Chakra, sicuramente sono quelle con estensione indietro che implicano l’apertura del torace.

E’ il cuore che si apre al mondo circostante nella sua componente più umana ed empatica.

Vediamo alcune posizioni Yoga da praticare per stimolare ed equilibrare l’ energia di Anahata Chakra.

BHUJANGASANA, la Posizione Yoga del Cobra

Posizione Yoga che apporta notevoli benefici fisici e mentali.

Espande il torace agevolando la respirazione, le affezioni respiratorie e l’asma.

Tonifica l’addome e gli organi interni.

SALABHASANA, la Posizione Yoga della Locusta

Posizione Yoga energizzante, ottima in caso di stress.

Rinforza i muscoli della colonna vertebrale, estende la cassa toracica migliorando i problemi respiratori.

EKA RAJAKAPOTASANA, la Posizione Yoga del Piccione Reale

L’espansione del torace e l’allungamento di tutta la parte frontale del corpo, migliora le capacità respiratorie, cardiache e l’elasticità del diaframma.

Posizione molto energizzante, è un valido aiuto in caso di lievi disturbi depressivi.

MATSYASANA, la Posizione Yoga del Pesce

Asana Yoga ottimo per migliorare la postura e rendere flessibile la colonna vertebrale.

L’apertura del torace migliora la respirazione e giova all’apparato cardiocircolatorio.

DHANURASANA, la Posizione Yoga dell’Arco

L’estensione indietro del busto allunga e rende flessibile la colonna vertebrale mentre l’espansione del torace migliora la respirazione e le affezioni dell’apparato respiratorio, la mobilità del diaframma e la funzionalità dell’apparato cardiocircolatorio.

ANAHATA CHAKRA POSIZIONI YOGA

Se vuoi saperne di più sulle Posizioni Yoga, un piccolo manuale illustrato di tutti gli Asana principali ti guiderà nell’allineamento corretto😊

ANAHATA IL CHAKRA DEL CUORE: CARATTERISTICHE PRINCIPALI IN TABELLA

ANAHATA CHAKRA TABELLA

ANAHATA, IL CHAKRA DEL CUORE: GLI ESERCIZI YOGA

Tanti sono i modi per stimolare ed equilibrare l’energia del Quarto Chakra attraverso gli esercizi Yoga.

Tra le meditazioni, molto efficaci sono quelle di gruppo che mettono in relazione all’altro.

Così come Meditazioni e Visualizzazioni sull’elemento Aria o sul Respiro

Vediamone alcuni molto semplici.

ESERCIZIO DEL RITMO CARDIACO

Siedi in posizione semplice e comoda.

Porta la tua attenzione al respiro fino a quando lo percepisci ritmico nelle sue fasi di inspiro ed espiro.

Cerca il battito del tuo cuore senza modificare nulla.

Lascia che il suono naturale del respiro si unisca al ritmo vitale del tuo cuore.

ESERCIZIO DELLA VOCALE “A”

Siedi in una posizione comoda e osserva il tuo respiro farsi lento e profondo in modo naturale.

Inspira profondamente e nell’espiro emetti il suono della vocale “A” .

Percepisci le vibrazioni che si propagano a partire dal plesso cardiaco.

Bastano pochi minuti al giorno per ritrovare la pace nel cuore.

MANTRA YAM

Il Mantra Yam è una potente Meditazione per il Chakra del Cuore, le sue vibrazioni partono dalle corde del cuore.

“YAM”

COME SI PRATICA

Siedi in posizione meditativa, chiudi gli occhi e volgili mentalmente al cuore.

Inspira lentamente e profondamente.

Espirando emetti il Bija-Mantra Yam con un suono lento e lungo.

Ascolta come le sue vibrazioni dal cuore si aprono a tutto il corpo per espandersi nell’Universo.

E’ una meditazione che connette con il Sé superiore, aprendo all’Amore e alla compassione.

Il Mantra Yam dona una piacevole sensazione di pace interiore e calma la mente.

ANJALI MUDRA

Anjali Mudra, o meglio Atmananjali Mudra è il Gesto della Preghiera.

E’ il Sigillo che favorisce l’interiorizzazione alla scoperta della propria Spiritualità.

Il contatto delle mani crea comunione tra emisfero destro e sinistro del cervello.

Anjali Mudra dona armonia interiore, equilibrio e serenità.

ANAHATA CHAKRA ANJALI MUDRA

COME SI ESEGUE

Siediti in una posizione meditativa che sia comoda e chiudi gli occhi.

Resta concentrato sul respiro naturale fino a percepirlo progressivamente lento e profondo.

Porta i palmi delle mani a contatto mantenendole all’altezza del plesso cardiaco.

Lascia che tra i palmi vi sia un piccolo spazio come se custodissi gelosamente un seme all’interno.

Esercita la stessa pressione su tutti i polpastrelli delle dita.

Per sperimentare una pratica sull’apertura del Cuore, ho selezionato per te una lezione YogaPlanet dedicata.

Buona Pratica

Scopri il canale YouTube YogaPlanet e iscriviti per accedere a tutti i contenuti.

Se questa pratica ti è piaciuta, Pratica con Noi sulla nostra Academy Online.

 “Un Viaggio attraverso i 7 Chakra” un pacchetto lezioni ad un prezzo davvero speciale.

  • 7 Video lezioni
  • 7 Meditazioni

Ti guideranno alla scoperta dell’energia dei tuoi 7 Chakra. Scopri l’offerta!

ANAHATA, IL CHAKRA DEL CUORE: CONCLUSIONI

Se non pratichi e non mediti, niente paura, ci sono tanti modi per equilibrare il Chakra del Cuore, lo Yoga è solo una Via.

La cosa più semplice e naturale di questo mondo non richiede nulla se non il tuo corpo e la tua mente abbracciati al respiro.

Pertanto, rendi consapevole il tuo Respiro e ascolta il tuo cuore.

Poi immergiti nelle meraviglie della natura e passeggia in luoghi aperti.

Prediligi il colore verde negli ambienti in cui dimori o anche nelle cose che indossi.

Per concludere, puoi anche andare in cima al Tibet, dal maestro di Yoga più in voga del momento, dal più illuminato tra i guru, ai seminari più filosofici del mondo, ma ricorda che se non scoprirai te stesso tutto sarà vano.

Mary Bellomo