VRKSASANA, la Posizione dell’Albero

ARDHA CHANDRASANA, la Mezza Luna
4 Aprile 2019
GARUDASANA, la Posizione dell’Aquila
8 Aprile 2019

VRKSASANA, la Posizione dell’Albero

VRKSASANA, la Posizione dell’Albero

Tra tutte le posizioni, quella sicuramente più conosciuta anche da chi non ha mai praticato yoga è VRKSASANA,.

“VRKSA” in sanscrito è albero, asana posizione. Rientra nelle asana di equilibrio, non solo corpo-mente ma anche nell’equilibrio dello Yin, il femminile, e dello Yang, il maschile.

E’ una posizione asimmetrica pertanto da praticare da entrambi i lati.

Partendo da Tadasana, la posizione della montagna di cui ho parlato in un precedente articolo che come al solito vi consiglio di cercare nel blog della nostra scuola di formazione yoga, spostare il peso del corpo sul piede destro che deve essere ben radicato e con le dita ben aperte.

Inspirando, sollevare il piede sinistro e portarlo, a seconda del proprio equilibrio, sul malleolo, lateralmente sulla tibia o al perineo.

Troppo spesso noto questa posizione eseguita con il piede all’interno del ginocchio, cosa sbagliatissima e dannosa per l’articolazione del ginocchio che, ricordiamo, ha solo flessione ed estensione, non movimenti laterali.

Quando ci sentiamo in equilibrio, con un altro inspiro distendiamo le braccia oltre la testa, ricordando sempre che ,se abbiamo problemi di pressione alta, è preferibile mantenere le mani in Anjali Mudra al centro del petto.

Altro accorgimento importante è mantenere le creste iliache in linea e che il ginocchio della gamba in appoggio non sia in iper estensione.

Osservate quelle che nella nostra scuola di formazione definiamo misure di sicurezza, siamo aperti a tutte le varianti possibili: mani in Anjali Mudra dietro la schiena, tra le scapole, braccia in Gomukhasana, in appoggio al muro o in coppia e, per i più fantasiosi anche nella variante della danza di Shiva.

A livello fisico dona benefici alle gambe, sollievo al nervo sciatico, migliora la postura, corregge i piedi piatti, dona serenità e calma alla mente, migliora l’equilibrio.

A livello energetico, agisce maggiormente su Muladhara, Swadhistana, Ajna, rispettivamente primo, secondo e sesto Chakra.

Vrksasana è l’asana per eccellenza legata al radicamento. In questa posizione siamo come alberi che fendono la terra con le loro radici per ancorarsi fortemente ad essa e protendersi verso il cielo.

Senza radici nessun albero crescerebbe forte e alto poiché alla prima intemperie si spezzerebbe e non riceverebbe nutrimento vitale.

La posizione dell’albero ci porta a vivere il momento presente, il qui e ora.

Possiamo chiudere gli occhi e immaginare le nostre fitte e forti radici, il nostro tronco possente, la nostra folta chioma, i nostri rami tesi al cielo…è una posizione che ben si presta a visualizzazioni e meditazioni che ci riportano alla nostra essenza e semplicità, piedi a terra e testa al cielo ma mai con la testa tra le nuvole.

 

Mary Bellomo

 

Menu