PITTA DOSHA

VATA DOSHA
18 Aprile 2019
KAPHA DOSHA
23 Aprile 2019

PITTA DOSHA

PITTA DOSHA

Torniamo a parlare di Ayurveda e Yoga e nell’ articolo di oggi vediamo quali sono le caratteristiche di Pitta Dosha.

L’idea è quella di sfatare gli aloni di mistero costruiti intorno allo yoga senza trattati scientifici ma con comprensibili parole umane.

Per qualcuno sarò forse troppo “razionale”, ma non vedo misteri né poteri  paranormali se non il miracolo della vita come energia in movimento, che tutto trasforma, nello yoga come nella chimica.

Se Vata Dosha è il movimento e governa la vita stessa, Pitta Dosha è la trasformazione, il fuoco, il calore del corpo.

E’ composto da fuoco ed acqua ed è correlato all’ elemento aria senza la quale il fuoco non arde e quindi è spinto da Vata.

Presiede alle funzioni metaboliche e digestive, a livello corporeo è Agni il fuoco digestivo, ma è anche il fuoco che elabora le idee, le fa digerire, le mette a fuoco, regola la vista e le emozioni.

Pitta si concentra prevalentemente nello stomaco e nell’intestino tenue, nel sudore, nel sangue e nella linfa.

Da qui possiamo dedurre che le tipologie Pitta hanno un metabolismo molto attivo, una temperatura corporea e un temperamento caldo, sono molto vitali e coraggiosi, irascibili, amano eccellere, sono molto ambiziosi.

Di corporatura media, hanno una buona muscolatura, articolazioni fluide e sono perciò molto flessibili.

Per un buon equilibrio, a livello alimentare, Pitta dovrebbe evitare soprattutto cibi piccanti e acidi e cibi che stimolano i processi digestivi.

Uno squilibrio Pitta incide molto sulla digestione, sull’eccessiva sudorazione, disturbi cutanei e sulla vista, infezioni urinarie, calcoli alla cistifellea e febbre ricorrente.

Nella pratica yogica dovrebbero utilizzare il loro calore piuttosto che svilupparne altro, evitando sequenze intense e soprattutto praticando asana rilassanti e pranayama rinfrescanti dopo ogni pratica.

Molto utili a Pitta le asana che rilassano la parte centrale dell’addome eliminando tensioni.

Tra le altre, la posizione del pesce, Matsyasana, è molto indicata poiché tra i suoi benefici regola la temperatura corporea, mentre sconsigliate sono le posizioni sulla testa e le asana di forza.

Da preferire le flessioni anteriori alle estensioni indietro… piuttosto che le aperture, anche a livello  psicologico, il tipo Pitta dovrebbe cercare di contenere il suo talvolta esubero.

 

Mary Bellomo

 

Menu