VISHUDDA: il Potere della Comunicazione. Conclusione

VISUDDHA: il Potere della Comunicazione
5 Febbraio 2019
IL PERCORSO ILLUMINANTE
7 Febbraio 2019

VISHUDDA: il Potere della Comunicazione. Conclusione

VISHUDDA: il Potere della Comunicazione

Conclusione

Comunicazione fluente, espressività personale efficiente, apertura ed elasticità mentale, rispecchiano l’equilibrio di Vishudda.

Utile precisare che lo squilibrio energetico di un Chakra può essere per difetto, nel senso di apporto minore di energia per eventuali blocchi ma anche per eccesso della stessa.

Tra le manifestazioni di un probabile squilibrio di Vishudda da un punto di vista fisico ci sono mal di gola frequenti, otiti ricorrenti, tracheiti, torcicollo, problemi cervicali, vertigini, disfunzioni della tiroide.

Da un punto di vista psicologico un quinto Chakra non equilibrato può evidenziare timidezza o esuberanza, disturbi vari del linguaggio e della comunicazione, inibizioni.

Di grande effetto energetico sul quinto Chakra e tiroide è Ujjay Pranayama, la respirazione del vittorioso l’unica respirazione che può essere effettuata in qualsiasi momento della giornata e che diventa ancora più efficace se abbinata a Jalandara Bandha ossia la chiusura del mento verso lo sterno, tecniche che avremo modo di approfondire nella nostra “elementare catechesi yogica”.

Le asana che coinvolgono e stimolano maggiormente Vishudda sono soprattutto Sarvangasana, la candela, e Alasana, l’aratro che esercitando una pressione sulla tiroide la strizzano come se fosse una spugna e, se seguiti da Matsyasana, il pesce, la rigenerano notevolmente.

Tra le altre asana, il simpatico leone, Simhasana.

Le meditazioni con visualizzazione di prana azzurro che pervade l’universo e il corpo nutrono Vishudda.

Tra gli esercizi fisici e meditativi, molto efficace è il rito dei “5 Tibetani”, pratica non molto impegnativa fisicamente ma da effettuare gradualmente poichè lavora molto a livello energetico; donando benessere diffuso è considerato un vero elisir di giovinezza.

Oltre le pratiche yogiche e orientali è possibile stimolare Vishudda con vocalizzi ripetuti, soprattutto la vocale ii, con il canto e la musica, stimolando ed esprimendo la propria creatività anche attraverso la scrittura.

E se sei davvero pigro puoi sempre indossare abiti celeste…o ancora più semplicemente, alza il viso e lascia che l’azzurro intenso del cielo immenso si rispecchi nei tuoi occhi.

Mary Bellomo

Menu